Voglio andare ad Alghero in compagnia di #ZeddaPiras

Questo è il racconto di un weekend settembrino, quando il sole era alto e la voglia di mare non era ancora chiusa in valigia. Siamo stati ad Alghero non in compagnia di uno straniero, ma di #ZeddaPiras per scoprire qualcosa in più sul mirto e sulla fantastica terra che lo produce: la Sardegna.

Alcuni sardi dicono che lo Zedda Piras sia addirittura il Mirto più buono della Sardegna! La sua storia è lunga oltre 160 anni e la produzione Zedda Piras segue ancora l’antica ricetta della tradizione. Il Mirto è un tipico liquore dell’Isola dei 4 mori ottenuto solo con bacche fresche di mirto sardo, pianta tipica della macchia mediterranea. Nelle zone interne e lungo le coste assolate e ventilate dell’Isola, il mirto cresce spontaneamente. La raccolta delle bacche viene fatta a mano dai raccoglitori locali e trasportate, entro uno o due giorni, nei centri di raccolta per poi seguire le successive fasi di lavorazione che lo portano alla distribuzione.

Il Mirto, genuino come la sua terra, è il liquore Sardo, quello delle chiacchere a fine pasto, delle cene spensierate in compagnia e, generalmente, viene servito ghiacciato lasciando la bottiglia e i bicchierini in freezer.

fabbrica-mirto-zedda-piras

Ma tranquilli, non abbiamo soltanto bevuto Mirto. L’occasione e il tempo, ancora estivo, ci hanno permesso di visitare Alghero e le zone circostanti.

Alghero ha un centro curato, pieno di vita e negozietti tipici con prodotti locali. Il fascino dei bastioni, la vista sul mare e il cibo delizioso la rendono una cittadina magica e accogliente.

Alghero, vista sul porto
Alghero, vista sul porto
Alghero, centro
Alghero, centro
Alghero dai Bastioni
Alghero dai Bastioni
Fregola sarda, The Kings Alghero
Fregola sarda, The Kings Alghero
Gamberoni, The Kings Alghero
Gamberoni, The Kings Alghero
Seadas o Sebadas, tipico dolce sardo ricoperto di miele Il Pavone Alghero
Seadas o Sebadas, tipico dolce sardo ricoperto di miele Il Pavone Alghero
Cristina, inviata Moma e bevitrice di Mirto ☺
Cristina, inviata Moma e bevitrice di Mirto ☺

Il giorno successivo abbiamo fatto una gita in mare con il catamarano: partiti da Stintino abbiamo raggiunto l’Isola dell’Asinara e il Carcere di massima sicurezza di Fornelli. Abbiamo ancora impressi i colori del cielo e del mare, con le mille sfumature dell’acqua dal verde al blu intenso. Impossibile non rimanere incantati da tanta bellezza.

Stintino dal Catamarano
Stintino dal Catamarano

Entrambe le carceri, Asinara e Fornelli, sono oramai in disuso da anni e peccato che non si sia trovato, ancora, una destinazione d’uso per questi posti, che hanno comunque segnato un pezzo di storia italiana. Una curiosità tra le tante che abbiamo scoperto grazie all’ottima guida locale Fabio: alcune delle celle dell’Asinara venivano chiuse direttamente dai detenuti alla sera, perché da lì non si poteva scappare! Il mare era il muro di cinta per loro.

La vista non gli mancava di certo, anche se potevano fare il bagno a mare una volta al mese accompagnati dalle guardie.

Se siete in zona una visita è assolutamente d’obbligo.

borgo-asinara
Il borgo dell’Asinara
parco-asinara
Vista dal borgo dell’Asinara
carcere-fornelli
Fornelli, carcere di massina sicurezza

Nell’ultimo giorno del nostro Tour ci siamo spostati nella coloratissima cittadina di Bosa, famosa per la lavorazione del corallo e di tessuti. Ci siamo innamorati del suo centro storico e delle sue case tutte colorate, oltre che della vista dal Castello dei Malaspina. Vedere per credere.

bosa-sardegna

Bosa, Oristano
Bosa, Oristano

Ora che le temperature non sono più così miti, riguardiamo le foto con un pizzico di nostalgia in attesa del prossimo viaggio e chissà che non sarà proprio in Sardegna!

Un grazie speciale a:

Zedda Piras

Fabio, guida genuina freelance presso Sardinsula

– Cristina Simone –