Fuorisalone 2017: inizia oggi la lunga settimana del design

fuorisalone 2017 progetti infanzia

Con qualche giorno di anticipo rispetto alle passate edizioni, si accendono i riflettori del Fuorisalone 2017 su una Milano più vitale che mai. Quest’anno Funk Design and the Districts si veste di nuovo per farvi scoprire i luoghi e le proposte più interessanti, attraverso un racconto fatto di video che vi accompagnerà lungo le strade dei sempre più numerosi distretti.

Si parte dalla Triennale di Milano, luogo simbolo della progettualità, per approdare a Tortona Design Week, dove tra Nhow Hotel, Superstudio, Opificio 31 e Base Milano trovano spazio installazioni concettuali, esposizioni dedicate a innovazione digitale, riciclo e riuso, sperimentazione su materiali e colori. Tra le proposte più interessanti della prima giornata i progetti dedicati all’infanzia, il lusso tra innovazione e poesia, il padiglione dedicato al Corian, le collettive di designer provenienti da Cina, Giappone e Polonia, le app di Archiproducts che facilitano le scelte dei design lovers, l’indagine sugli scenari del design nomade e la sfida promossa da CNA che presenta una selezione di piccole aziende italiane nell’ambito della rassegna Manifattura 4.0.

Oggetti, mobili, complementi d’arredo e una sempre più nutrita selezione di prototipi e progetti realizzati con stampa 3d, si affiancano a opere d’arte figurative realizzate con tecniche innovative da designer italiani e internazionali.

Ogni giorno alle 14.30, fino al 9 aprile, Funk Design and the Districts, aprirà una finestra sul Fuorisalone 2017. Un diario quotidiano pieno di suggerimenti per vivere la settimana più attesa dell’anno alla scoperta di una città che si svela inaspettatamente e sorprendentemente in ogni angolo. Palazzi storici, aree post industriali, chiostri, terrazze e appartamenti, da tutte le parti si respira aria di design in ogni sua declinazione. Il nostro viaggio attraverso la Design Week continuerà domani per le strade dei distretti Sant’Ambrogio e 5 Vie. Stay tuned!

Credits: la versione strumentale di Mezza Vita in Tangenziale è stata concessa gentilmente dai nostri amici Cocida 

 

Riccardo Chiozzotto

Riccardo Chiozzotto

Ha un curriculum definito nel gergo dei cacciatori di teste ”nervoso”, questo solitamente indica un percorso di varie esperienze diverse tra loro. Teme infatti di essere sopraffatto dalla noia e così preferisce aprire continuamente nuove finestre sui micro mondi che riempiono il cosmo della comunicazione. Forse per questo, al di la di qualsiasi tag, preferisce definirsi comunicatore. Di fatto nasce pr, diventa giornalista e poi casca nella rete e si dedica a nuove strategie per i media digitali. Come giornalista scrive delle sue passioni per raccontare storie. E ora che strizza l’occhio al blogging, cura la sua rubrica settimanale Funk Design su Momastyle.com.